Progetto “G-Media”

Un progetto per contrastare il disagio scolastico e ridurre la conflittualità tra studenti, insegnanti, genitori.

Il Progetto G-Media – Giovani per la mediazione dei conflitti, finanziato dal Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazione nell’ambito del Piano Azione Coesione “Giovani no profit”, si pone l’obiettivo di ridurre la conflittualità in ambito scolastico e creare occasioni di condivisione tra i diversi attori del sistema formativo “allargato” – insegnanti, ragazzi, genitori, operatori ed educatori territoriali che si relazionano agli adolescenti in contesti extrascolastici.

Chi lo realizza

Il progetto nasce dall’incontro tra tre realtà, operanti in provincia di Benevento sul territorio delle Valli Caudina e Telesina, che hanno sviluppato un’ampia competenza nel campo degli interventi di contrasto al disagio giovanile e alla dispersione scolastica. Questa competenza è stata maturata in differenti campi d’azione:
- gli interventi di prevenzione del disagio con i gruppi adolescenziale: Associazione Kairos Psicologia, ente capofila del progetto
- l’offerta formativa destinata ai giovani drop-out della scuola o fortemente a rischio di dispersione scolastica: Istituto di Istruzione Superiore “A. Lombardi” di Airola
- gli interventi di educativa territoriale destinati alle fasce giovanili in condizioni di disagio sociale ed il lavoro di rete: Associazione ANSPI S. Generosa di Ponte

Che cosa prevede

L’intervento sarà realizzato attraverso tre principali attività:
1. Lavoro con i gruppi adolescenziali per la risoluzione dei conflitti che insorgono nel contesto scolastico all’interno del gruppo dei pari (conflittualità orizzontale) e tra questi e l’istituzione (conflittualità verticale) e che sono frequentemente alla base del disadattamento e della dispersione scolastica. Il lavoro con i gruppi sarà realizzato all’interno dell’Istituto di Istruzione Superiore “A. Lombardi” di Aiorola e sarà basato sulla metodologia della Peer Education (educazione tra pari), che valorizza le risorse interne ai gruppi giovanili quale strumento di prevenzione.
2. Sportello di ascolto ed aiuto psicologico destinato a quegli adolescenti che presentano disagio e disadattamento scolastico ed incertezza rispetto al prosieguo del proprio percorso formativo. Il servizio offrirà consulenze sulla gestione di situazioni problematiche anche agli insegnanti e ai genitori.
3. Attività pomeridiane di educativa territoriale che si svolgeranno presso l’Oratorio Parrocchiale S. Generosa di Ponte.

scarica il dépliant del progetto
progetto g-media

L’AUTORITA’ GARATE PER L’INFANZIA E L’ADOLESCENNZA PROPONE LA MEDIAZIONE COME STRATEGIA DI PEVENZIONE DEL BULLISMO
“Prevenire il bullismo e’ possibile. Per farlo e’ necessario far crescere tra i ragazzi la ‘cultura della mediazione’. L’Autorita’ garante per l’infanzia e l’adolescenza – di fronte al ripetersi di episodi di bullismo- avanza alcune proposte, frutto di una serie di esperienze pilota compiute nelle scuole italiane, tra le quali si inserisce a pieno titolo il progetto G-MEDIA

scarica il comunicato del Garante:
bullismo-mediazione-come-materia